Uit Agenda Rotterdam

Article on Uit Agenda Rotterdam

Rotterdam Hotspot Article

Panzero’ Apulian StrEat Food. We didn’t know what to expect and you probably don’t know either. So, it was about time that we went to take a look at this spot at the Botersloot.

Let us first give some explanation about the name and the concept. As the name suggests a little, we are dealing with something that’s gaining popularity: street food. With Italian street food to be precise, and we didn’t really have that in Rotterdam, next to Sugo Apulian represents the product’s origin, the Italian region of Apulia (Puglia), and Panzero comes from the panzerotti, one of the most famous dishes.

Vai a farti friggere in Olanda!

Una delizia per il palato a cui nessuno può resistere. Succulento, fumante e rigorosamente fritto il panzerotto pugliese va alla conquista dell’Olanda. Il progetto ambizioso di Panzerò Apulian StrEat Food, porta la firma di due giovani amici francavillesi, un paese a 30 chilometri da Brindisi. Mimmo Vecchio e Luigi Incalza hanno inaugurato il mese scorso il primo locale a vai-a-farti-friggere-in-olanda-1Rotterdam dove si mangiano i panzerotti pugliesi. Dai classici con mozzarella e pomodoro, a quelli per palati più raffinati con ricotta forte, capocollo di Martina Franca e burrata. La ricetta del loro successo sta nella qualità degli ingredienti. Le materie prime arrivano ogni giorno dalla loro terra d’origine grazie ad una rete di contatti diretti con i produttori pugliesi.

“Il nostro progetto – afferma Mimmo Vecchio, che prima di approdare allo street food lavorava come ingegnere chimico per una multinazionale, è nato quasi per gioco. Nel gennaio del 2015 ho invitato l’amico Luigi, che in quel periodo viveva a San Paolo, in Brasile, a trasferirsi in Olanda con l’idea di diventare produttori di panzerotti a Rotterdam.  A maggio, dello stesso anno, abbiamo lanciato il nostro progetto sulla piattaforma di Kickstarter, collettore di idee in cerca di finanziatori che amplifica le possibilità di realizzare un progetto nel cassetto tramite il crowdfunding”.  Per attirare gli investitori vengono offerte in cambio ricompense semplici ma accattivanti: dalla confezione di pasta pugliese, ai fichi secchi con la mandorla fino al bonsai di ulivo.

Nonostante il mancato raggiungimento del finanziamento dell’importo di 80mila euro, i due giovani amici riescono comunque nell’intento e il 4 settembre scorso hanno inaugurato il loro locale. “Non avevamo messo in cantiere – riprende Mimmo – l’attenzione che i media avrebbero riservato al nostro progetto. Così siamo vai-a-farti-friggere-in-olanda-2 andati avanti finalizzando il business plan ed organizzando un evento per presentare il nostro concept al famoso Markthal di Rotterdam.
È stato un successo inaspettato e l’inizio della nostra fantastica avventura”.  Dal sogno alla realtà. Mimmo e Luigi hanno trovato la location e, rimboccandosi le maniche, hanno lavorato sodo per allestire il loro locale in stile pugliese in via Botersloot 50 a Rotterdam.

“I nostri prodotti – sottolinea ancora Mimmo – sono legati alla cucina tradizionale pugliese. Il cliente può trovare il panzerotto nella versione salata e dolce ma anche le pucce salentine, il biscotto cegliese i vini delle cantine brindisine. Anche nell’allestimento del locale abbiamo voluto ricreare qui un angolo di Puglia”. Il punto vendita, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 22, è già diventato il ristorante italiano più in voga di Rotterdam e Mimmo e Luigi sono pronti a conquistare altre grandi città europee.

Source: RadiciFutureMagazine.it
Frying Panzerotti

Frying is good, preferably in extra virgin olive oil

Just as the myths saying eggs are unhealthy and that we should reduce salt in our diet have been proven false, so too is the myth that olive oil should not be used in cooking.

This is where the real benefits of extra virgin olive oil come to light. Extra virgin olive oil is ideal for frying. In proper temperature conditions, without over-heating, it undergoes no substantial structural change at all and keeps its nutritional value far better than other oils, not only because of the antioxidants but also due to its high levels of oleic acid (good fatty acids). It has a very high smoking point of 210ºC which is substantially higher than the ideal temperature for frying food which any cook will tell you is around 180ºC. Those fats with lower critical points, such as corn and butter, break down at this temperature and form toxic products.

Extra Virgin Olive Oil is High in Antioxidants and Vitamin E, Which Help Fight Oxidation.

“My chips were all greasy and full of oil!” Well, they were probably fried with vegetable oil. Apart from it being healthier, one of the best reasons for using extra virgin olive oil for frying is that it forms a crust on the surface of the food that impedes the penetration of oil and improves its flavour. Food fried in extra virgin olive oil has a much lower fat content than food fried in other oils, making extra virgin far more suitable for weight control. Extra virgin olive oil, is the most suitable, the lightest and the tastiest medium for frying.

Frying Panzerotti with extra virgin olive oil

Panzero’® uses extra virgin olive oil that are being produced in Puglia, Italy only.

Puglia produces more olive oil than any other single region. There are some noteworthy oils from this region though, so don’t discount Puglia. The dominant olives in Puglese oils are Coratina, Provenzale, and Ogliarola. The oils in the region around Bari, a busy port city, are fruity and light. From the area of Bitonto, the oils are closer in character to the taste of fresh olives, with a slight almond taste.

We’ve worked carefully to find small, artisan producers to provide our customers with the finest extra virgin olive oils of the region.

Want to read more..?

We have gathered few interesting articles which include facts and studies regarding this subject.

ciao tutti blog logo

Panzero’ – panzerotti uit Puglia

Ondanks het feit dat Italianen meestal de tijd nemen voor hun eten, is street food niet meer weg te denken uit Italië. Er zijn tal van zaakjes waar je even binnenloopt voor bijvoorbeeld pizza al taglio (stuk pizza), gefrituurde visjes in een puntzak of een panzerotto. Maar hoewel de pizza inmiddels helemaal bij ons ingeburgerd is, is de panzerotto nog niet alom bekend.

Een panzerotto is een maanvormige lekkernij die bestaat uit gefrituurd deeg met verschillende hartige of zoete vullingen. Luigi Incalza van Panzero’ wil dit type street foodde faam geven die het verdient. Het is zijn doel om de panzerotti in heel Europa bekend te maken. Hij introduceerde de panzerotti vorige week in de Markthal in Rotterdam. Elena was erbij en doet verslag van een bijzonder culinaire avond.

Panzero-panzerottti-Puglia

Elena: ‘Luigi begint de avond met een gepassioneerde introductie van ‘zijn’ product. Hij is afkomstig uit Puglia en zodoende opgegroeid met panzerotti op elke hoek van de straat. In tegenstelling tot de pizza komt de panzerotti echter nauwelijks de Italiaanse grens over. Onterecht volgens hem, want het is een smaakvolle, vrij eenvoudige en toch veelzijdige lekkernij.

Je kunt er in principe alles in doen wat je lekker vindt: tomatensaus met mozzarella, tonijn, gestoofde uien, ham, maar ook zoetigheid zoals Nutella. Om te peilen wat de Nederlandse consument van de panzerotti vindt, stond hij een kleine week met een eigen winkel in de Markthal in Rotterdam.

Panzero-panzerottti-Puglia-2

Luigi gaat ons deze avond uitleggen hoe je panzerotti maakt en we mogen we ook zelf aan de slag. Zoals het een echte Italiaan betaamt, voorziet hij ons eerst van een glas rode wijn én een ambachtelijk biertje, beide uit Puglia. De Cabernet Sauvignon van Vini Vecchio is vrij zacht van smaak voor een rode wijn en bevat weinig sulfieten. Het bier is afkomstig van een kleine bierbrouwerij en vernoemd naar de vriendin van de bierbrouwer: L’Aura. Een licht, zacht en fruitig biertje dat verrassend goed bij het eten past.

Panzero-panzerottti-Puglia-3

Dan is het tijd om de handen uit de mouwen te steken. We mengen twee soorten meel – ik vermoed 00 (doppio zero) en semolina (tarwegriesmeel), maar Luigi geeft deze informatie niet prijs – in gelijke verhoudingen met elkaar. Vervolgens maken we een kuiltje in het midden. Daarin gaat olijfolie, suiker en verse gist die is opgelost in water. Dit kneden we tot een samenhangende, soepele deegbal.

Op het laatst kneden we er nog een flinke hoeveelheid zout doorheen en dan is het deeg klaar, denken we. Maar natuurlijk is dit niet het volledige recept: we missen nog twee geheime ingrediënten die de panzerotti van Luigi tot de échte maken.

Panzero-panzerottti-Puglia-4

Om toch een idee te krijgen van de echte panzerotti krijgen we een door Luigi voorbereid deeg dat al 24 uur gerezen heeft. Deze deegballetjes drukken we met de vingertoppen net zolang in tot er een cirkelvormige deeglap van ongeveer tien centimeter cm doorsnede ontstaat. De vulling van mijn eerste panzerotto bestaat uit stufato di cipolla, gestoofde uien met olijven en tomaat.

Panzero-panzerottti-Puglia-5

Nadat het deeg dichtvouwen is, snijden we het randje eraf en drukken we de randen goed aan met een vork. Dan gaan de panzerotti zo’n 2,5 minuut in de frituurpan op 180 graden in olijfolie (geen frituurvet), halverwege keren we ze nog even om.

Panzero-panzerottti-Puglia-6a

Het resultaat: een goudbruine panzerotto, knapperig aan de buitenkant, luchtig en zacht aan de binnenkant, met een smaakvolle vulling waar ik geen genoeg van kan krijgen. Hopelijk lukt het Luigi om snel een vaste plek in de Markthal te verwerven, want dit smaakt naar meer!’

Wil je op de hoogte blijven van Panzero’? Neem dan een kijkje op de speciale Facebook-pagina PanzeroApulianStrEatFood.

Source: CiaoTutti.NL
de buik van rotterdam news logo

Panzero’ apulian streat food workshop for food bloggers & food lovers

Tijdens De Wereld van Smaak organiseert Panzero’ Apulian StrEat Food een workshop in de Markthal

Altijd al willen weten hoe je panzerotti, een van de meest geliefde street food gerechten in Italië, moet maken? Tijidens een workshop in de Markthal kun je het leren. Het deeg kneden, de panzerotti vullen en daarna opetten onder het genot van een wijntje. Er is plek voor zeven deelnemers tijdens de workshop, dus geef je op vóór zondag 14 februari 18:00.

Donderdag 18 februari van 18:00 – 19:00

Source: De buik van Rotterdam
Radio pizza olanda news logo

PUNTATA 207/Parte II: supportiamo il crowdfunding di Panzerò

Abbiamo ospitato in puntata Luigi Incalza, ideatore del progetto imprenditoriale Panzerò. Dall’ideazione al lancio della campagna di crowdfunding su Kickstarter, ci ha raccontato di come nasce la prima catena di panzerotti pugliesi d’Olanda. Mancano ancora 70.000 euro per raggiungere l’obiettivo finale della raccolta fondi. RadioPizza supporta Luigi e il buon cibo italiano. Sentite cosa ha da dire, vi verrà volgia di contribuire!

Source: Radio Pizza Olanda
Grottaglie in rete news logo

l’innovativo progetto per far conoscere in europa i panzerotti pugliesi

Due pugliesi originari di Francavilla Fontana (BR), che vivono a Rotterdam in Olanda da diverso tempo hanno appena lanciato una nuova iniziativa visibile su www.kickstarter.com (la più grande piattaforma online di raccolta fondi per progetti creativi).

A spiegare questa avventura è l’Associazione Internazionale “Pugliesi nel Mondo” che descrive il progetto “Panzeró Apulian StrEat Food“, con cui i due conterranei intendono aprire la loro prima location a Rotterdam per far conoscere i panzerotti pugliesi in diverse varianti, dal salato al dolce, proseguendo successivamente in altre città e Paesi. Il progetto e’ stato appena lanciato su Kickstarter per raccogliere 80.000 Euro e sarà online sino al 31/07/2015. Con Kickstarter la regola è: “o tutto o niente”, se alla fine dei 33 giorni la cifra di 80.000 Euro non sarà raggiunta, il progetto non verrà fondato e i soldi dei sostenitori non verranno prelevati. Come riconoscimento, tutti i sostenitori riceveranno dei premi interessanti che variano in base alla somma versata di cui è disponibile la versione in italiano alla fine della pagina del progetto. Si potrà supportarlo versando una somma a partire da 2 Euro fino ad un massimo di 7.000 Euro.

Per avere maggiori dettagli, visionare il loro video di presentazione, consultare i premi messi in palio e sostenere questo progetto basterà collegarsi a questo link: https://www.kickstarter.com/projects/1661482144/panzero-apulian-streat-food-ingredients-made-in-it
La pagina fb per seguire Panzeró e tutti gli aggiornamenti in tempo reale del progetto e’ visibile a questo link: https://www.facebook.com/pages/Panzero-Apulian-StrEat-Food/834559393294937?fref=ts

Inoltre, l’Associazione Internazionale “Pugliesi nel Mondo, invierà gratuitamente a tutti i sostenitori a questo Progetto che lo richiederanno (pugliesi e non), la nuova Tessera di Socio della organizzazione, che ha già migliaia di iscritti e soci che vivono in ogni parte del mondo.

Source: Grottaglie In Rete
Mezzogiorno Economia news logo

MEZZOGIORNO ECONOMIA

Articolo-Mezzogiorno-Economia-2

Gambero rosso news logo

Kickstarter arriva in Italia. E il panzerotto pugliese prova a conquistare l’Europa. Tramite crowdfunding

Panzerò Apulian StrEat Food potrebbe diventare la prima catena street food interamente dedicata al classico cibo di strada pugliese, partendo da Rotterdam. L’idea è di due giovani italiani, ma ha bisogno del sostegno di tutti, tramite Kickstarter. Ricompense originali e golose.

Orgoglio pugliese: il panzerotto

Presto l’originale panzerotto pugliese potrebbe arrivare a Rotterdam. E da lì partire alla conquista delle principali città d’Europa e capitali internazionali. A farsene portavoce è il team di Panzerò Apulian StrEat Food, due giovani – originari di Francavilla Fontana, nella provincia di Brindisi – “emigrati” a Rotterdam e pronti a rivelare il gusto della tradizione pugliese più autentica inaugurando una catena di locali street food proprio a partire dalla città olandese. Segno distintivo: il panzerotto fritto e farcito, proposto in molteplici varianti, salate – in versione classica o speciale, con capocollo, bufala, burrata o pesto – e dolci (pere caramellate e fondente, fichi, mandorle e cioccolato, ricotta e nocciole).

Vanto della cultura popolare barese, un rapido identikit di questo tipico sfizio da passeggio della tradizione mediterranea si rende quanto mai necessario, visto il gran numero di interpretazioni locali che ogni città finisce per rivendicare come originale. Basti pensare al confronto che infiamma la competizione tra Bari e Lecce, dove la ricetta prevede rispettivamente un tuffo nell’olio bollente o un passaggio in forno e determina la differenza – persino nel nome! – tra panzerotto barese e calzone leccese. L’impasto è quello utilizzato per la pizza, che avvolge – dorato, caldo e croccante – il ripieno più classico a base di pomodoro e mozzarella filante. Ma le variazioni sul tema sono molte, e tutte golose, dal prosciutto cotto e mozzarella all’aggiunta di olive e acciughe o ricotta: l’importante è che la farcitura sia generosa.

Kickstarter arriva in Italia. Una nuova chance per le start up del food

E così ora, in attesa di individuare la location ideale per lanciare la start up, si passa alla ricerca dei fondi necessari all’investimento. Qui entra in gioco la piattaforma Kickstarter, collettore di idee in cerca di finanziatori che amplifica le possibilità di realizzare un progetto nel cassetto tramite il crowdfunding. In poche parole tutti possono contribuire a sostenere l’idea più convincente, utile, originale, semplicemente versando pochi euro. E poi l’unione farà la forza. Inutile dire che – nel maremagnum di proposte creative raccolte sul sito fondato nel 2009, ma solo dal mese scorso aperto ad accogliere progetti dall’Italia – le iniziative a tema gastronomico giocano la parte del leone.

Taralli, fichi ccucchiati, orecchiette e un ulivo in adozione. Le ricompense

Nel caso specifico il progetto Panzerò ha bisogno di 80mila euro: una cifra importante che tiene conto dei costi di lancio e che entro il 31 luglio tutti potranno contribuire a racimolare (con un versamento da 2 a 7mila euro). In cambio, nello spirito tipico del crowdfunding, ricompense che premiano il sostegno in modo originale e “apulian pride”, dalla ricetta dei panzerotti alla barbatella di Primitivo di Manduria o Negramaro, dal piatto in ceramica di Grottaglie alla fornitura di fichi ccucchiati, friselle, orecchiette, taralli, fino al corso di cucina, al panzerotto personalizzato, all’adozione di un ulivo di Puglia (con 15 litri di olio assicurati per tre anni).

Per scoprire a finanziare il progetto (fino al 31 luglio) clicca qui

Source: Gambero Rosso